Caratteristiche dei protocolli IVF

Loading...

Per ottenere il miglior risultato della fecondazione in vitro, vengono utilizzati vari schemi di protocolli IVF, selezionati dal medico individualmente in ciascun caso specifico.

Il protocollo IVF è un programma personale per il trattamento dell'infertilità mediante inseminazione artificiale. Secondo le statistiche, il 45% di tutte le procedure di IVF eseguite nel mondo si concludono con una gravidanza di successo e la nascita di un bambino sano.

I protocolli IVF sono costituiti da diverse fasi e si differenziano per durata, nome e dosaggio dei farmaci utilizzati.

L'essenza dei protocolli IVF

Fino ad oggi, lo schema FIV combina l'uso di due principali ormoni:

  • ormone follicolo-stimolante (FSH);
  • gonadotropina corionica (HG), necessaria per l'induzione della maturazione delle uova.

Oltre a questi ormoni sono prescritti farmaci che bloccano l'ovulazione prematura e il progesterone necessario per lo sviluppo della gravidanza. Secondo le statistiche, l'aggiunta di progesterone sintetico diverse volte aumenta le possibilità di un impianto di successo dell'embrione e l'inizio della gravidanza.

La varietà dei protocolli IVF esistenti è spiegata dal gran numero di analoghi dei farmaci utilizzati.

Tipi di programmi IVF

In pratica, vengono utilizzate molte modifiche e tipi di protocolli IVF. Lo schema di fecondazione in vitro viene effettuato separatamente per ogni coppia sposata, tenendo conto delle caratteristiche individuali dell'organismo, dell'età, delle capacità funzionali delle ovaie e degli spermatozoi.

Protocollo breve

Breve protocollo IVF - il più comune e spesso prescritto, facilmente tollerato dalla maggior parte delle donne.

La durata di questo programma corrisponde alle fasi di un normale ciclo fisiologico di una donna, richiede in media 10-12 giorni. L'inizio di un breve protocollo FIV nei giorni coincide con il 2-4 giorno del ciclo mestruale.

Una caratteristica del protocollo breve è il lavoro sullo sfondo ormonale naturale di una donna con l'uso di farmaci che impediscono la maturazione precoce delle uova.

fasi:

  1. Stimolazione della maturazione degli ovociti.
  2. Selezione di uova
  3. Fecondazione.
  4. Metti gli embrioni nella cavità uterina.

Nel corso di un breve protocollo IVF, i preparati ormonali delle gonadotropine vengono utilizzati in combinazione con sostanze agonisti o antagonisti, in accordo con il piano precedentemente preparato.

Indicazioni per un breve regime di fecondazione in vitro

Questo programma di IVF è raccomandato:

  • donne sane di qualsiasi età;
  • donne di età avanzata;
  • Pazienti che hanno ricevuto un lungo protocollo senza risultati positivi.

Protocollo lungo

Il lungo protocollo di IVF è fondamentalmente diverso da quello breve che viene eseguito per un periodo più lungo (45-50 giorni e più a lungo) e inizia non all'inizio del ciclo mestruale, ma a partire da 21 giorni.

Una caratteristica del lungo protocollo è la soppressione della sintesi degli ormoni naturali e l'uso di farmaci ormonali sintetici per stimolare la maturazione delle uova.

In alcuni casi, gli effetti collaterali sono possibili sotto forma di fallimenti ormonali, iperstimolazione ovarica, stato di climax.

Fasi del protocollo IVF lungo:

  1. Blocco della ghiandola pituitaria da parte di agonisti della droga.
  2. Stimolazione della superovulazione (usando gonadotropine).
  3. Trigger ovulazione (con la ricezione della gonadotropina corionica umana).
  4. Selezione di uova, loro fecondazione
  5. Trasferimento di embrioni nella cavità uterina.


testimonianza

Di regola, è necessario ricorrere a questo tipo di stimolazione a pazienti con determinate patologie:

  • disturbi ormonali (iperandrogenia, livelli elevati di LH);
  • ciclo mestruale irregolare;
  • l'obesità;
  • endometriosi;
  • mioma uterino;
  • cisti ovariche, policistiche;
  • età oltre 35 anni.

Il protocollo IVF lungo può essere raccomandato ai pazienti che non hanno ottenuto un risultato positivo in uno schema breve (scarsa qualità delle uova ottenute).

Una delle varietà del protocollo lungo è il cosiddetto protocollo super-lungo di IVF. In questo caso, la stimolazione ormonale viene effettuata fino a sei mesi.

Protocollo giapponese

Il protocollo giapponese, o il protocollo Teramoto, è di gran lunga il più popolare e ampiamente utilizzato in tutto il mondo.

Questo tipo di FIV è molto efficace e ben tollerato dalla maggior parte delle donne.

Il protocollo IVF giapponese è il più fisiologico e rappresenta l'attuazione di interventi ormonali minimi per diversi cicli. Gli embrioni ottenuti come risultato di questo programma subiscono un'attenta crioconservazione, in cui viene raggiunta la sopravvivenza quasi al cento per cento.

Il trasferimento dell'embrione all'utero avviene in un ciclo diverso, dopo un certo tempo, quando l'effetto degli ormoni artificiali sulle membrane uterine è già cessato.In generale, la durata del protocollo Teramoto può richiedere diversi mesi e consente di trapiantare gli embrioni nell'utero in qualsiasi momento opportuno.

L'obiettivo principale del protocollo giapponese (sparing) è di ottenere uova migliori, anche se in quantità minore.

I principali vantaggi del protocollo giapponese:

  • basso rischio di complicazioni (iperstimolazione, rottura e torsione delle ovaie);
  • piccola invasività della procedura per prendere le uova (usando aghi più sottili);
  • effetti di risparmio della fase della droga, bassi dosaggi di farmaci ormonali.

Di conseguenza, il protocollo Teramoto causa meno stress per il corpo della donna, e a spese di ridurre il numero di costosi farmaci è conveniente.

Krioprotokol

Il crioprotocollo si distingue per l'assenza della necessità di una superstimolazione dell'ovulazione con grandi dosi di ormoni e la presenza di uno stadio aggiuntivo - il congelamento degli embrioni.

Questo metodo di FIV è usato più spesso dopo diversi precedenti tentativi falliti di inseminazione artificiale.

Anche il crioprotocollo offre l'opportunità di utilizzare gli embrioni immagazzinati nel congelamento in futuro,per la nascita di uno o più bambini.

Fasi di crioprotocollo:

  1. Stimolazione dell'ovulazione
  2. La cattura di uova.
  3. Inseminazione artificiale.
  4. Congelamento rapido degli embrioni.
  5. Reimpianto degli embrioni congelati in utero (forse dopo un certo tempo, anche dopo alcuni anni).


testimonianza

Questo programma è adatto a giovani donne con un ciclo mestruale stabile e un'ovulazione regolare.

vantaggi Krioprotokola: costrizione minima pillola per le donne, la buona tollerabilità e relativamente basso costo della fecondazione in vitro. Recenti studi scientifici dimostrano che la probabilità di una gravidanza in krioprotokole normale significativamente più alto che in altri programmi come gli embrioni più vitali vengono utilizzati per il congelamento e il reimpianto. Maggiori informazioni sulle funzionalità del crioprotocollo IVF →

La scelta del protocollo IVF è un compito molto difficile e responsabile per il medico. Con una corretta selezione del programma dipende dalla risposta del corpo della donna per le attività svolte e il risultato finale. È per questo che il protocollo di fecondazione in vitro richiede la considerazione delle caratteristiche individuali e di una piena attuazione di tutte le prescrizioni mediche.Solo in questo caso, i risultati del trattamento giustificheranno le migliori speranze.

Autore: Tarasenko Natalia Akhmetovna, ostetrico-ginecologo

Consigli degli esperti

Ti consigliamo di leggere:Indizi per IVF da donne e uomini

Загрузка...

Guarda il video: “BAD RESPONDERS” E BASSA RISERVA OVARICA - Il Prof. Manna risponde (Dicembre 2019).

Loading...