Skip to main content

Primo screening per la gravidanza

Loading...

Lo screening si riferisce a studi condotti da un gruppo complesso di individui, in questo caso a donne incinte in momenti diversi. Lo screening per il primo trimestre comprende la diagnosi ecografica e un esame del sangue biochimico. Lo studio ha lo scopo di identificare possibili anomalie genetiche e patologie dello sviluppo fetale.

Come viene condotta la ricerca e in quale data?

Nel primo trimestre, lo screening con ecografia programmata viene eseguito a 11-13 settimane di gestazione, che è considerato il periodo ottimale per lo studio. Se esegui l'ecografia prima di questa data o, al contrario, più tardi, l'interpretazione dei risultati potrebbe non essere attendibile.

Certamente, una donna può scrivere un rifiuto di condurre ricerche, anche se è stato emesso dal Ministero della Sanità russo nel 2000, ma una decisione del genere sarebbe estremamente rischiosa e persino incurante non solo per la sua salute, ma anche per la salute del nascituro.

Lo screening per il primo trimestre comprende due tipi di ricerca:

  1. Diagnosi ecografica
  2. Analisi del sangue biochimica.

L'esame ecografico nel primo trimestre di gravidanza richiede una certa preparazione.Per studiare il solito (superficie) in un modo in cui i vetrini unità sensore sullo stomaco donna incinta, vescica deve essere completa, che richiede per 1-1,5 ore prima dell'inizio della bevanda procedura circa mezzo litro di acqua pura o non gassata 3- 4 ore prima che l'ecografia non possa urinare.

Se il medico farà un modo procedura trasvaginalnym, quando un dispositivo sensore speciale inserito nella vagina, è richiesta la formazione speciale. Una donna incinta dovrebbe andare in bagno prima di iniziare la procedura.

L'analisi del sangue biochimica è la seconda fase dello screening e viene eseguita solo dopo l'ecografia. Questa condizione è importante perché le cifre ottenute sempre dipendono dalla durata della gravidanza e vengono cambiati ogni giorno, e per stabilire la data esatta è possibile solo con l'aiuto degli ultrasuoni. Questa condizione deve essere osservata al fine di ottenere la corretta interpretazione degli indicatori di ricerca e di stabilire la conformità con gli standard necessari.

Al momento del prelievo di sangue per l'analisi di una donna per mano devono essere pronti a risultati della prima parte dello studio, in cui è specificato l'esatta età gestazionale. Se il test ad ultrasuoni procedimento mostrato regressione della gravidanza o dissolvenza, nella seconda parte dello screening non ha senso.

La ricerca biochimica richiede una preparazione per consentire al medico di ottenere indicatori precisi e determinare la loro conformità agli standard. Il prelievo di sangue dalla vena viene eseguito rigorosamente a stomaco vuoto.

Circa 2-3 giorni prima della visita alla sala di trattamento dovrebbe: escludere dalla dieta di cibi dolci, affumicati, fritti e grassi, e gli alimenti che sono potenziali allergeni, come noci, cioccolato, agrumi e frutti di mare.

Il mancato rispetto di queste condizioni spesso porta a risultati inaffidabili dello studio.

Cosa si può imparare durante lo screening?

Per decifrare l'ecografia è stato affidabile e informativo è necessario effettuare la procedura non dovrebbe essere prima di 11 settimane di gravidanza, ma non oltre il 13.

La posizione del feto dovrebbe essere comoda per l'ispezione e la misurazione. Se la posizione del bambino non consente la procedura degli ultrasuoni, alla donna viene chiesto di girarsi dalla sua parte, andare in giro, fare un po 'di sit-up o di tosse, in modo che il bambino si rigiri.

Indicatori, che dovrebbero essere esaminati durante l'ecografia nel primo terzo della gravidanza:

  1. Coccigeo-parietale (CTE). La misurazione è dal punto parietale della testa al coccige.
  2. La dimensione biparietale (BPR) è la distanza tra le colline della zona parietale.
  3. Circonferenza della testa.
  4. Distanza dall'occipite alla zona frontale.
  5. La struttura del cervello, la simmetria della posizione degli emisferi, la chiusura del cranio.
  6. Lo spessore della zona del colletto (TVP).
  7. Frequenza cardiaca (frequenza cardiaca).
  8. Dimensioni del cuore, così come le più grandi navi.
  9. La lunghezza delle ossa delle spalle, fianchi, gamba e avambraccio.
  10. Lo spessore della placenta, la sua struttura e la sua posizione nell'utero.
  11. La posizione del cordone ombelicale e il numero di vasi in esso contenuti.
  12. Volume di liquido amniotico.
  13. Tono dell'utero.
  14. La condizione della cervice e la sua gola interna.

Quando l'ecografia viene eseguita prima della data di scadenza, il medico non può stimare la dimensione dell'osso nasale, il CTE del feto è di 33 a 41 mm, che è insufficiente per condurre uno studio adeguato. La frequenza cardiaca durante questo periodo va da 161 a 179 colpi, il TBV da 1,5 a 2,2 mm e il BPR è di 14 mm.

Le norme sugli indicatori di decifrazione in questo momento:

  1. All'undicesima settimana l'osso nasale fetale è visibile, ma le sue dimensioni non sono sempre apprezzate. Il CT di briciole è da 42 a 50 mm, il BPR è di 17 mm, il TBI va da 1,6 a 2,4 mm e la frequenza cardiaca va da 153 a 177 battiti.
  2. A 12 settimane, la dimensione dell'osso nasale è 3 o leggermente superiore a mm. Il KTP è compreso nell'intervallo 51-59 mm, il BPR è 20 mm, il TBD è compreso tra 1,6 e 2,5 mm e la frequenza cardiaca va da 150 a 174.
  3. A 13 settimane, la dimensione dell'osso del naso è più di 3 mm. CTE è nel range di 62-73 millimetri, BDP è di 26 mm, il TID 1,7-2,7, e la frequenza cardiaca da 147 a 171 battiti al minuto.

Quando screening biochimico è determinata da diversi indicatori importanti, uno dei quali è un guscio frutta gonadotropina corionica β-HCG, prodotta. È questo ormone per determinare gravidanza nelle primissime fasi utilizzando una striscia reattiva speciale.

Dall'inizio della gravidanza nel suo normale corso di livello β-hCG viene gradualmente aumentata, raggiungendo un massimo di 12 settimane, dopo di che si verifica diminuzione. Durante la seconda metà degli indicatori p-hCG termine mantenuto allo stesso livello.

La norma degli indici β-hCG è:

  • Settimana 10: da 25.80 a 181.60 ng / ml;
  • 11 settimane da 17,4 a 130,3 ng / ml;
  • 12 settimane da 13,4 a 128,5 ng / ml;
  • 13 settimane da 14,2 a 114,8 ng / ml.

valori elevati si osservano nella sindrome di Down nel feto in via di sviluppo o quando la donna incinta si nota una grave tossicità e il diabete.

prestazione ridotta può essere indicativo di insufficienza placentare, minacciato aborto spontaneo, la presenza di una gravidanza intrauterina (che, di norma, stabilita nel corso degli Stati Uniti), o che la sindrome di Edwards feto.

Il secondo indicatore importante è la proteina A (RAPP-A), che è associata alla gravidanza, poiché questa proteina è prodotta dalla placenta ed è responsabile del suo corretto funzionamento e sviluppo.

I valori normali di RAPP-A sono:

  • Da 10 a 11 settimane da 0,45 a 3,73 millilitri / ml;
  • Da 11 a 12 settimane da 0,78 a 4,77 millilitri / ml;
  • Da 12 a 13 settimane da 1,03 a 6,02 millilitri / ml;
  • Da 13 a 14 settimane dalle 1,47 alle 8,55 pm / ml.

Se gli indicatori sono al di sotto del normale, può parlare non solo della minaccia di aborto, ma anche della presenza della sindrome di Edward, Down o Cornelia de Lange nel feto. In alcuni casi, si osserva un aumento dei livelli di proteine, ma questo non ha significato diagnostico e clinico significativo. Maggiori informazioni sullo sviluppo del bambino a 12 settimane →

Calcolo del coefficiente MoM

Il calcolo di questo indicatore viene effettuato sulla base dei risultati degli studi. Il suo valore indica il grado di deviazione dei risultati del test dai tassi medi stabiliti, che vanno da 0,5 a 2,5 in gravidanza singola e fino a 3,5 quando la gravidanza è prolifica.

In diversi laboratori, quando si esamina lo stesso campione di sangue, gli indicatori possono differire, quindi è impossibile valutare i risultati in modo indipendente, solo il medico può farlo.

Quando dissolvenza coefficiente tiene necessariamente conto non solo saggi ma età donna incinta, malattia cronica, diabete, dipendenze, peso gravidanza, il numero all'interno del frutto di sviluppo, e anche il modo in cui è avvenuta la gravidanza (naturalmente o mediante IVF). Il rischio di sviluppare patologie nel feto è considerato alto con un rapporto inferiore a 1: 380.

È importante comprendere correttamente il significato di tale relazione. Per esempio, se in stato di detenzione indica "1: 290, alto rischio", significa che 290 donne con gli stessi dati in un solo figlio era con una malattia genetica.

Ci sono situazioni in cui le cifre medie si discostano dalla norma per altri motivi, ad esempio:

  • se una donna ha un eccesso di peso o un grave grado di obesità, allora il livello degli ormoni è spesso aumentato;
  • con IVF, PAPP-A sarà inferiore alla media generale e il β-hCG, al contrario, sarà più alto;
  • si può osservare un aumento del normale livello di ormoni anche quando la futura madre ha il diabete mellito;
  • per gravidanze multiple non sono state stabilite tassi medi, ma il livello di β-hCG è sempre superiore nello sviluppo di un feto.

Condurre ricerche nel primo trimestre consente di stabilire la presenza (assenza) del feto in via di sviluppo di molte patologie, come ad esempio:

  1. Meningocele e sue varietà (patologia dello sviluppo del tubo neurale).
  2. Sindrome di Down. Trisomia del cromosoma 21 si trova in un caso di 700 indagini, ma grazie alla tempestiva consegna di nascita diagnostica dei bambini malati è sceso a 1 nel 1100 casi.
  3. Onfalocele. A questa patologia sulla parete addominale anteriore del feto formata sacco erniario, in cui la parte degli organi interni.
  4. La sindrome di Edwards è una trisomia di 18 cromosomi. Si verifica in uno dei 7000 casi. È più comune nei bambini le cui madri hanno più di 35 anni al momento della gravidanza. Nello svolgimento di ecografia del feto si osserva la presenza di onfalocele, riduzione della frequenza cardiaca, non visibile osso nasale. Inoltre, le violazioni identificati della struttura e del cordone ombelicale, in cui invece dei due arterie è presente solo uno.
  5. Sindrome Patau, che è una trisomia di 13 cromosomi. Molto raro, circa un caso ogni 10 000 nati vivi e di solito è circa il 95% dei bambini con questo stampo sindrome entro i primi mesi di vita.Quando si eseguono gli ultrasuoni in questi casi, il medico nota un rallentamento dello sviluppo delle ossa tubulari e del cervello, l'onfalocele e un aumento del ritmo cardiaco nel feto.
  6. Triploidia, che è un'anomalia genetica caratterizzata da una tripla serie di cromosomi, che è accompagnata dalla comparsa di molti disturbi dello sviluppo.
  7. Sindrome Smith-Opitz. Il disturbo è una malattia genetica di natura autosomica recessiva, in cui si verifica un disordine metabolico. Di conseguenza, il feto in via di sviluppo ha molti vizi e patologie, autismo, ritardo mentale. C'è una sindrome in un caso di 30.000.
  8. Sindrome di Cornelia de Lange, che è un'anomalia genetica che causa il ritardo mentale di un futuro bambino. Si verifica in un caso su 10.000.
  9. Anencefalia del feto. Questa patologia di sviluppo è rara. I neonati con un tale disturbo possono svilupparsi all'interno dell'utero, ma sono incapaci di vivere e muoiono subito dopo la nascita o si trovano nel grembo materno in un secondo momento. Con questa anomalia, il feto manca del cervello e delle ossa della volta cranica.

Lo screening nel primo trimestre consente di identificare molte malattie cromosomiche e disturbi dello sviluppo in un futuro bambino nelle prime fasi della gravidanza.Lo screening può ridurre il tasso di natalità dei bambini con anomalie congenite, e anche salvare una varietà di gravidanze in cui vi è una minaccia di interruzione adottando un'azione tempestiva.

Autore: Irina Vaganova, dottore,
soprattutto per Mama66.com

Video utile sullo screening

Ti consigliamo di leggere: Screening per il 2 ° trimestre

Загрузка...
Loading...