Ghiandola tiroide, caratteristiche del lavoro degli organi durante la gravidanza

Loading...

La gravidanza è una delle fasi più difficili della vita di una donna. Nonostante il fatto che la maternità sia la gioia più grande, questo periodo non sempre va come vorremmo. Durante la gestazione del bambino l'organismo viene completamente ricostruito: il flusso sanguigno cambia, il centro di innalzamento cambia, i cambiamenti di fondo ormonale. La più grave ristrutturazione durante la gravidanza si verifica nella ghiandola tiroidea: la struttura interna dell'organo endocrino cambia, così come il rapporto degli ormoni che rilascia nel sangue.

Tuttavia, la patologia della ghiandola tiroidea durante la gravidanza non è così pericolosa come possono sembrare molti. La medicina moderna ti permette di sopportare e dare alla luce un bambino sano, anche con malattie di questo corpo.

Ghiandola tiroidea

La ghiandola tiroidea è uno degli organi del sistema endocrino umano. La ghiandola è normale nella parte anteriore del collo, e in forma molti possono ricordare la farfalla, poiché ha due poli: le "ali" e l'istmo tra di loro. La ghiandola consiste in un parenchima e uno stroma.

Le cellule principali sono chiamate tiociti. Svolgono la funzione di base della ghiandola - la produzione di ormoni di tiroxina (T4) e triiodotironina (T3).Questo è uno degli ormoni più importanti del corpo, in quanto sono in grado di regolare tutti i tipi di metabolismo, accelerandoli o rallentandoli, e anche praticamente tutti i processi di crescita e maturazione di cellule, tessuti e organi che si verificano nel corpo.

Gli ormoni shchitovidki contengono iodio. Questo suggerisce un'altra importante funzione: il cumulo e la conservazione dello iodio nel corpo. È disponibile in un numero enorme di enzimi e sostanze chimiche sintetizzate nel corpo umano.

Oltre ai thyrococytes, il ferro contiene cellule C correlate al sistema endocrino diffuso e producono calcitonina, che regola lo scambio di calcio nel corpo.

Gli ormoni della ghiandola tiroidea durante la gravidanza acquisiscono un'immensa importanza per il normale sviluppo del feto. T3 e T4 sono coinvolti in tutti i processi di crescita e maturazione di cellule e tessuti. L'organismo fetale non fa eccezione.

Lo sviluppo normale del sistema nervoso, cardiovascolare, genitale, urinario e di tutti gli altri bambini è possibile solo con una concentrazione sufficiente di questi ormoni nel sangue della futura gestante.

Nei primi tre anni dopo la nascita del bambino, gli ormoni ottenuti dal corpo della madre,diventare importante per il normale sviluppo del cervello, la formazione e il mantenimento dell'intelligenza, poiché la ghiandola tiroide dei neonati non è ancora funzionante.

Funzionamento della ghiandola tiroidea durante la gravidanza

La ghiandola tiroidea subisce alcuni cambiamenti durante la gravidanza. C'è il suo aumento fisiologico e la crescita del parenchima. Quindi, più ormoni sono prodotti dal 30-50%.

È abbastanza interessante notare che il fatto di un aumento della ghiandola tiroidea durante la gravidanza è stato notato anche nell'antico Egitto. C'è stato un test piuttosto insolito. Gli egiziani portavano il filo di seta più fine al collo. Se il filo è stato strappato, è stato considerato una conferma della gravidanza.

Il processo di stabilizzazione e differenziazione della tiroide nel feto inizia già dalla 12a settimana di gravidanza. La formazione finale ha luogo alla settimana 17.

Da questo momento la ghiandola tiroidea del feto è in grado di sintetizzare gli ormoni da sola. Tuttavia, la fonte di iodio è gli ormoni della tiroide della madre. Inoltre, la massa della ghiandola tiroidea nel feto è di circa 1,5-2 grammi, cioè non è in grado di fornire completamente il corpo del bambino.

Dai dati di cui sopra, possiamo trarre diverse conclusioni:

  1. Un adeguato funzionamento e produzione di un numero sufficiente di ormoni tiroidei è importante sia per la madre che per il feto. Lo sviluppo di tutti gli organi e sistemi senza eccezione si verifica solo con la partecipazione di T3 e T4 dell'organismo madre. Questa situazione persiste fino alla fine del primo trimestre. Dopo di che, il feto differenzia già la sua ghiandola tiroide, che tuttavia "prende" iodio dal corpo della madre, poiché non ci sono altre fonti di questo microelemento nel corpo. Nello stato usuale, la necessità giornaliera di iodio è di 150 mcg, ma durante la gravidanza questa necessità sale a 200-250 mcg. Con meno iodio, si sviluppa una malattia, che si chiama ipotiroidismo.
  2. Un'eccessiva produzione di ormoni può causare una serie di problemi nella madre e nel feto. Molto spesso, questa intossicazione si osserva nel primo trimestre di gravidanza, poiché l'effetto della ghiandola tiroidea sulla gravidanza in questo trimestre è massimo. Quindi, la malattia si sviluppa - ipertiroidismo. Nella maggior parte dei casi, tale risposta durante la gravidanza è ancora considerato una variante della norma, non richiede alcun trattamento ed è in grado di richiedere un certo tempo.Pertanto, questo tipo di ipertiroidismo è chiamato tireotossicosi transitoria o temporanea della gravidanza. Ma la tireotossicosi e l'iperfunzione non sono sempre buone, in alcuni casi si sviluppa una malattia, chiamata malattia di Graves o di Basedov, che richiede un intervento terapeutico immediato e un trattamento.

Spostamento della ghiandola tiroidea in una direzione o nell'altra, irta di complicazioni e funzioni compromesse. Ma ci sono modi moderni di compensazione e stabilizzazione in ogni stato separato.

Ipofunzione della tiroide

L'ipotiroidismo è una malattia caratterizzata dalla mancanza di iodio nel corpo e, di conseguenza, dalla mancanza di ormoni. Ma in alcuni casi, l'assunzione di iodio nel corpo non può essere ridotta.

I reclami per l'ipotiroidismo possono essere i seguenti:

  • debolezza, stanchezza aumentata, aumento di peso sopra gli indicatori normativi, sensazione di freddezza;
  • appetito alterato, letargia, apatia, sonnolenza costante, diminuzione della concentrazione e attenzione;
  • pelle secca, peeling, perdita di capelli, unghie fragili;
  • la comparsa di edema, specialmente nella faccia e nella parte inferiore della gamba;
  • la comparsa di dispnea, una diminuzione della pressione sanguigna;
  • Spesso c'è voce rauca.

Dovrebbe essere compreso che una mancanza di iodio nel corpo e una diminuzione della funzione tiroidea possono verificarsi anche prima della gravidanza. Pertanto, è estremamente importante condurre uno studio sugli ormoni tiroidei durante la pianificazione e anche la consultazione di un endocrinologo è obbligatoria. Maggiori informazioni sulla pianificazione della gravidanza →

Il medico, basandosi sui risultati dello studio, nomina la terapia sostitutiva con farmaci ormonali tiroide - cioè, T3 e T4 nel corpo verranno dall'esterno.

Quindi, vi è una correzione del livello di ormoni e dopo di ciò è possibile pianificare in modo sicuro il concepimento. Nella maggior parte dei casi con ipotiroidismo della tiroide, l'assunzione di ormoni sostitutivi continua durante la gravidanza.

Con l'ipotiroidismo, il rischio di aborti spontanei, nascite premature e la morte di un bambino in utero è significativamente aumentato, specialmente nelle prime fasi.

Con una significativa diminuzione della concentrazione di ormoni, la ghiandola tiroidea durante la gravidanza può portare alla nascita di un bambino con malformazioni: ritardo mentale, sordità, strabismo, ecc.

Per evitare tutti questi problemi, è necessario visitare l'endocrinologo quando si pianifica una gravidanza, o già immediatamente nelle prime fasi.

Non trascurare i complessi vitaminici che sono prescritti dal medico curante.

Per la prevenzione, il sale o il latte iodato è anche molto buono, tuttavia, non dimenticare che mangiare cibi troppo salati è carico di conseguenze per una donna incinta. Molti medici raccomandano di diversificare la dieta con i frutti di mare.

Nel pesce di mare, i calamari, i gamberetti e le cozze contengono un'enorme quantità di iodio, come nei latticini e nella carne. In nessun caso si dovrebbe essere dipendenti dal vegetarismo durante la gravidanza. Un altro prodotto contenente una grande quantità di iodio è fichi secchi.

Tra le altre cose, è importante notare tutti i cambiamenti che si verificano nel corpo. Sonnolenza, apatia, capelli fragili, unghie, pelle secca - questi sono segni anormali che accompagnano la gravidanza.

Sopportare un bambino non è affatto una malattia, quindi, prestando attenzione a tali sintomi, si consiglia di contattare gli specialisti per uno studio dettagliato e scoprire le ragioni.

Iperfunzione della ghiandola tiroidea

Oltre a ridurre la funzione tiroidea, è possibile aumentarlo. Come è stato detto, l'iperfunzione è di natura fisiologica per garantire i bisogni del feto. Ma, in alcuni casi, può essere una patologia.

Forma nodulare di gozzo

Il gozzo nodulare è un intero gruppo di malattie della tiroide che si verificano con lo sviluppo di grandi formazioni nodali. L'eziologia della malattia è molto varia. Nei casi di gozzo di grandi dimensioni, è anche possibile un difetto estetico. La gravidanza e il nodulo tiroideo non si escludono a vicenda.

I nodi non sono pericolosi con la corretta correzione della concentrazione di ormoni nel sangue. La gravidanza, in presenza di nodi nella ghiandola tiroidea, deve essere condotta sotto lo stretto controllo dell'endocrinologo. Se i nodi sono più grandi di 4 cm, la chirurgia è necessaria, ma non durante la gravidanza. Le operazioni durante la gestazione fetale vengono eseguite solo nei casi di compressione della trachea.

Sintomi di ipertiroidismo

Livelli elevati di ormoni tiroidei nel sangue possono portare a:

  • aumento della fatica, perdita di peso, febbre, febbre;
  • aumento dell'eccitabilità nervosa, irritabilità, sensazione irragionevole di paura, insonnia;
  • rafforzare il lavoro del sistema cardiovascolare, aumentando il polso, la pressione sanguigna;
  • debolezza muscolare, tremore delle mani;
  • possibili violazioni dell'apparato digerente: una violazione dell'appetito, una perdita di feci, dolore;
  • l'allargamento dell'occhio si incrina e l'aspetto di lucentezza negli occhi.

Difficoltà nella diagnosi di ipertiroidismo è che è piuttosto difficile distinguere tra normale prestazione fisiologica migliorare corpo di attività patologica. Pertanto tali sintomi: febbre bassa, sensazione di febbre, perdita di peso e vomito in gravidanza - devono essere considerati come possibili manifestazioni di ipertiroidismo e attentamente esaminate.

L'aumento della frequenza cardiaca superiore a 100 battiti al minuto, la più grande differenza tra i valori numerici di pressione arteriosa sistolica e diastolica nella maggior parte dei casi, indicano la presenza di ipertiroidismo. Cruciale nella diagnosi appartiene alla definizione di ormoni tiroidei nel sangue e ultrasuoni durante la gravidanza.

L'ipertiroidismo può causare una serie di complicazioni:

  • consegna prematura;
  • preeclampsia;
  • malformazioni del feto;
  • basso peso del bambino alla nascita.

L'identificazione della malattia deve essere effettuata nelle prime fasi, allora le probabilità di avere un bambino sano e forte aumentano notevolmente.

La terapia dell'ipertiroidismo ha lo scopo di sopprimere la funzione della ghiandola. Qui c'è una difficoltà, perché in nessun caso è impossibile colpire la ghiandola tiroidea del feto. Pertanto, il trattamento utilizzato solo concentrazioni minime di mezzi che non hanno permeabilità attraverso la barriera placentare.

Molto raramente vi è la necessità di rimuovere una parte della ghiandola tiroidea. Questa operazione può essere eseguita solo nel secondo trimestre di gravidanza, quando il rischio di complicazioni è maggiore il rischio di chirurgia.

Processi autoimmuni in ferro

Le malattie autoimmuni sono quelle che derivano dalla produzione di anticorpi contro le proprie cellule, cioè il sistema immunitario distrugge le cellule del proprio organismo. Spesso tali malattie sono ereditarie o causate da mutazioni.

Questa patologia è il più complicato in termini di gravidanza, come la terapia di processi autoimmuni basate sull'uso di alte dosi di steroidi e farmaci citotossici che sono controindicati durante la gestazione.

Malattia complicata dal fatto che non c'è sovrapproduzione di ormoni tiroidei, così necessaria per il normale sviluppo fetale. Il trattamento può essere conservativo o operativo.

Il conservatore serve a prevenire lo sviluppo di ipotiroidismo mediante l'introduzione di ormoni all'interno. Chirurgia - resezione della tiroide viene assegnato solo quando la minaccia della vita della madre.

tireotossicosi

La tireotossicosi è una malattia accompagnata da un aumento della produzione di ormoni tiroidei. La principale differenza dall'ipertiroidismo è che non vi è alcun aumento della ghiandola stessa. La tireotossicosi durante la gravidanza è molto rara. I sintomi e il trattamento sono gli stessi dell'ipertiroidismo.

Tumori della ghiandola tiroidea

Il cancro della tiroide non è affatto un'indicazione per l'aborto. Con il giusto approccio, puoi sopportare e dare alla luce un bambino sano in quasi tutti i raggi.

Trattamento operativo Anche la rimozione del cancro alla tiroide e la gravidanza non sono controindicati l'uno con l'altro. Tuttavia, il più delle volte l'operazione è posticipata per il periodo postnatale. Se questo non può essere fatto, allora viene effettuato nel secondo trimestre, fino a 24 settimane, poiché il rischio di impatto negativo sul feto è minimo.

Diagnosi di malattie

Le malattie della ghiandola tiroidea durante la gravidanza sono complicate dal fatto che molti tipi di diagnostica possono danneggiare il feto, pertanto è necessario condurre studi attentamente. Il metodo più comune di diagnosi, che dà un risultato del 100% ed è assolutamente sicuro per il feto, è l'ecografia.Questo studio è auspicabile per eseguire con il minimo sospetto di una violazione del corpo.

Ultrasuoni e un esame del sangue per gli ormoni - ecco due studi insostituibili che aiuteranno a fornire una diagnosi inconfondibile in quasi tutti i casi.

Gravidanza dopo la rimozione chirurgica della ghiandola

La gravidanza dopo l'intervento chirurgico per la rimozione della ghiandola tiroidea è possibile, ma non prima di due anni dopo. Questo periodo è necessario per completare la riabilitazione e il ripristino dell'equilibrio ormonale del corpo femminile.

Dopo la rimozione della tiroide, una donna dovrà rimanere in terapia ormonale sostitutiva per tutta la vita, anche durante la gravidanza. Pertanto, durante la pianificazione, è necessaria la consultazione con un ginecologo endocrinologo, che porterà alla gravidanza fino alla consegna.

La gravidanza e le malattie della tiroide sono strettamente correlate. Un medico curante competente è l'unica cosa che è necessaria nella situazione di rilevamento della patologia della ghiandola tiroidea durante il trasporto del feto.

La patologia dell'organo endocrino può seriamente compromettere la salute della madre e del bambino. Probabilmente, anche più di una volta durante l'intera gravidanza ci sarà una domanda sulla necessità di interruzione.

Ma solo grazie all'umore psicologico della madre e al trattamento competente è possibile ottenere risultati incredibili.

Autore: Zuleta Hapsirokova, editore:
soprattutto per Mama66.com

Video utile sulla ghiandola tiroidea

Ti consigliamo di leggere: Ultrasuoni 4d: vantaggi e svantaggi della tecnica

Загрузка...

Loading...