I problemi della fecondazione in vitro: medici ed etici

Loading...

Nonostante il fatto che la fecondazione in vitro non sia stata per molto tempo un nuovo metodo di trattamento dell'infertilità, e che i primi bambini concepiti con esso siano diventati genitori, molte coppie di sposi non hanno una vera idea della procedura stessa.

Pertanto, per la prima volta affrontati i problemi della FIV già nel processo del protocollo, i futuri genitori sono persi. Di cosa hai bisogno per conoscere le future mamme e papà prima di decidere su questo metodo di trattamento?

Prima di tutto, va ricordato che ECO non è una panacea o magia, è una complicata procedura medica che comporta un grande impatto immediato su 3 organismi: mamma, papà e bambino (embrione). Pertanto, come in qualsiasi altro intervento medico, possono verificarsi complicazioni. I medici distinguono i seguenti problemi di fecondazione in vitro:

medico

  • sindrome da iperstimolazione ovarica;
  • fertilità multipla;
  • gravidanza ectopica;
  • Possibili anomalie dello sviluppo in un futuro bambino.


etico.

Parliamo di ciascuno di essi in modo più dettagliato.

Problemi medici di fecondazione in vitro

Questo tipo di complicanze colpisce il corpo della futura madre e del feto.

Sindrome da iperstimolazione ovarica (OSS)

Con la FIV, la sindrome da iperstimolazione è una delle complicanze più frequenti e minacciose.

Lo sviluppo di OHSS si basa su una risposta ovarica rapida inadeguata alla stimolazione dell'ovulazione con farmaci gonadotropinici nei programmi di tecnologie di riproduzione assistita. Secondo le statistiche, l'iperstimolazione ovarica con FIV si verifica nello 0,5-14% dei casi, a seconda del tipo di protocollo. Nel 10% dei pazienti, ha richiesto l'ospedalizzazione e un trattamento speciale.

L'impulso allo sviluppo di HHV è l'introduzione di una dose ovulatoria di hCG su uno sfondo di alti livelli di ormoni sessuali. Questo rompe la permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni e la parte liquida del sangue inizia a entrare liberamente nello spazio intercellulare, formando un massiccio gonfiore.

Per l'iperstimolazione delle ovaie con FIV, i seguenti sintomi sono tipici:

  • ingrandimento ovarico (in alcuni casi fino a 20 cm di diametro) con formazione di cisti;
  • dolore addominale;
  • aumento della coagulabilità del sangue con lo sviluppo di trombosi di piccoli vasi;
  • ipotensione (bassa pressione sanguigna);
  • nausea, vomito;
  • accumulo di liquidi nella cavità addominale e toracica;
  • interruzione dei reni fino all'insufficienza renale acuta.


Gruppi di rischio

I seguenti gruppi di pazienti sono a rischio di sviluppare la sindrome da iperstimolazione ovarica in IVF:

  • giovani donne (sotto i 30 anni) con un fisico molto sottile;
  • con volume anatomicamente grande di ovaie;
  • pazienti con sindrome dell'ovaio policistico;
  • donne che hanno già avuto esperienza di HH in passato;
  • Pazienti nel protocollo IVF con alte dosi di gonadotropine.

trattamento

Sfortunatamente, non esiste un trattamento speciale mirato alla vera causa della CHD. Pertanto, tutte le misure mediche sono volte a ripristinare la normale circolazione sanguigna, riducendo la viscosità del sangue, migliorando la funzionalità renale.

Nei casi più gravi, si raccomanda di rifiutare il reimpianto degli embrioni ottenuti, sottoporli a crioconservazione e quindi, dopo aver normalizzato le condizioni del paziente, effettuare il trasferimento in un ciclo stimolato o naturale.

Fertilità multipla

Nonostante nei media ci siano spesso notizie di madri felici che hanno dato alla luce 3-5 bambini dopo la fecondazione in vitro, una gravidanza multipla dopo la fecondazione in vitro è molto non amata dai medici della riproduzione.Ci sono ragioni oggettive per questo.

L'organismo femminile, a differenza dell'organismo di animali femmine, è puramente fisicamente non adatto a sopportare più di 2 frutti (le terzine naturalmente concepite sono molto rare), quindi il rischio di aborto spontaneo e la nascita di neonati profondamente prematuri con il triplo è del 70%.

Alcuni anni fa, durante la fecondazione in vitro, sono stati iniettati 3 o più embrioni per aumentare le possibilità di un esito positivo. Tuttavia, con l'attecchimento riuscito di tutti gli embrioni, è sorto il problema della riduzione medica degli embrioni "extra".

riduzione - un intervento complesso, che viene eseguito perforando la parete addominale anteriore, l'utero e la vescica fetale. Varie complicazioni possono verificarsi durante la procedura:

  • aborto di gravidanza;
  • infezione;
  • sanguinamento.

Inoltre, con embrioni altrettanto ben sviluppati, ai genitori viene lasciato un pesante fardello di scegliere quell'embrione che si sta riducendo. In tutti gli altri casi vengono rimossi gli embrioni più deboli o più deboli, che possono anche essere percepiti negativamente da una donna. Questo è il motivo per cui i moderni protocolli di IVF presuppongono non più di 2 embrioni.

Gravidanza ectopica

embrioni spiking possono finire gravidanza ectopica, se per qualche motivo ottiene embrioni nelle tube di Falloppio e là impiantato. L'incidenza di questa complicanza è del 3-5%. Richiede un'operazione immediata per rimuovere il tubo interessato.

Possibili malformazioni del futuro bambino

Questo problema di FIV è il più frequentemente discusso tra i medici e i futuri genitori. Ciò contribuisce alla mancanza di importanti ricerche scientifiche. E 'noto che tra i bambini nati dopo fecondazione in vitro, la frequenza dello sviluppo difetti delle ossa e dei tessuti molli del cranio (labbro leporino, palatoschisi), cuore (anomalie mezhzheludochnoy e del setto atriale), apparato digerente (atresia dell'esofago, del retto) è leggermente superiore nei bambini concepiti naturalmente.

Ma mentre i bambini "ekoshnyh" sono quasi malattie ereditarie e mutazioni genetiche (sindrome di Down), in quanto gli embrioni prima di reimpianto sottoposti a un esame rigoroso.

Questioni etiche

I problemi etici della fecondazione in vitro possono essere suddivisi in 2 categorie:

  • problemi medici ed etici legati alla memorizzazione (distruzione) di embrioni procedura di riduzione;
  • religiosi, legati al divieto di alcuni tipi di fecondazione in vitro in rappresentanti di diverse fedi.

Problemi medico-etici

Durante la stimolazione dell'ovulazione nel protocollo IVF, si ottengono fino a 20 uova, che vengono poi sottoposte all'inseminazione artificiale. Degli embrioni ottenuti, una parte muore per cause naturali prima ancora di piantare, una parte viene trasferita nella cavità uterina e alcuni rimangono. Il destino dei restanti embrioni sani costituisce un grave problema medico ed etico, poiché i futuri genitori devono affrontare una scelta: distruggere, "donare" o criopreservare gli embrioni "ricevuti".

Un altro problema etico della FIV è la riduzione degli embrioni non necessari che hanno già subito un impianto e hanno iniziato lo sviluppo (la procedura viene eseguita prima della dodicesima settimana di gravidanza). Da un punto di vista medico, questo può essere considerato un vero e proprio aborto.

Contraddizioni religiose

La relazione del clero di varie fedi con le procedure di fecondazione in vitro è significativamente diversa.

Nel cattolicesimo tutti i tipi di FIV sono proibiti come immorali e contrari alla natura naturale dell'uomo.

L'ortodossia e l'Islam proibiscono la fecondazione in vitro utilizzando ovociti e spermatozoi del donatore, oltre a creare più embrioni di quelli necessari per il reimpianto.La riduzione del feto già embrionale non è consentita.

Nel giudaismo, alcune correnti e scuole religiose esprimono una visione diversa della procedura per la fecondazione in vitro, quindi i futuri genitori dovrebbero chiarire questa domanda da un confessore personale.

Conoscere tutte le sfumature, senza dubbio, aiuterà i futuri genitori a sintonizzarsi adeguatamente prima della procedura di fecondazione in vitro. Inoltre, la tecnica della fecondazione in vitro viene costantemente migliorata, i riproduttologi di tutto il mondo stanno lavorando per garantire che il numero di complicazioni che si verificano durante la sua induzione non superi quelli al momento del concepimento in modo naturale.

Autore: Olimish Gulnara Nailevna, ostetrico-ginecologo

Consultazione di uno specialista: considerazioni ECO

Ti consigliamo di leggere:Cosa dovrebbero fare i futuri genitori per aumentare le possibilità di un esito positivo della fecondazione in vitro

Загрузка...

Guarda il video: La fecondazione omologa ed eterologa (Gennaio 2020).

Loading...